• foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
Nik's Harley-Davidson Pordenone NIK'S HARLEY-DAVIDSON Harley-Davidson

12 -13 GIUGNO 2021: FRANZACURTA RUN

sabato 12 giugno 2021

Torna all'elenco report >
immagine evento

12 -13 GIUGNO 2021: FRANZACURTA RUN


“In fondo esistono solo due tipi di uomini: quelli che stanno in casa, e quelli che non ci stanno!” (R. Kipling) “In fondo esistono solo due tipi di motociclisti: quelli che fanno il giro dell’isolato, e quelli come Noi del Friuli Chapter Italy!” (by Prof)
E allora via, eccoci alla partenza del terzo Run stagionale: stavolta si tratta di un Premium di due giorni, con destinazione Franciacorta e Valle dell’Idro, in Lombardia alta, a nord di Brescia.
Sono le 12.30 di sabato 12 giugno e l’accogliente piazza d’armi del Caffèlatte vibra al rombo nervoso di 27 Harley Davidson impazienti, dopo il consueto briefing davanti ai 31 bikers astanti.
L’attesa è palpabile e comprensibile: dopo una primavera monsonica, ci aspettiamo un’estate subsahariana! Imbocchiamo veloci la A4 in direzione Padova, Verona, Brescia; nella consueta formazione compatta e sotto lo sguardo vigile e protettivo di nostri magnifici Road Captains e Safeties, che sfrecciano solerti ed instancabili tra capo e coda della colonna perché tutto proceda in ordine e sicurezza.
Si sa, sulla strada l’imprevisto è in agguato: e ne fa le spese il povero Andrea, improvvisamente investito
da un proiettile metallico staccatosi chissà come e perché da un furgone in corsa. Per fortuna assorbe il colpo, ma le conseguenze avrebbero potuto essere ben peggiori. Che spavento per la zavorrina Sonia!
Dopo un paio d’ore di guida sotto il caldo sole di giugno, e due previste soste carburante, usciamo finalmente dall’autostrada ed iniziamo a salire verso i laghi, circondati da un verdeggiante ed ameno paesaggio collinare.
La prima tappa in programma è prevista a Corte Franca, presso la Cantina Bosio Franciacorta, dove l’omonima famiglia ci accoglie con massime gentilezza e cortesia. Una veloce ma interessante visita allo stabilimento, in cui apprendiamo stupiti che due addetti in due ore girano diecimila bottiglie per evitare la formazione di residui, e poi tutti seduti in sala degustazione, davanti a ben quattro calici di sublimi varietà di vini bianchi prodotti in loco; senza farci mancare grissini e grana. Ad ogni calice corrisponde la spiegazione delle caratteristiche di fattura e gusto: inutile dire che la scelta del preferito risulta veramente problematica. Si brinda, si commenta, si replica (vero Niki?!), e insomma, al momento di alzarci e ripartire, siamo tutti euforici e leggeri: viva Bacco e viva Amore!
Pochi chilometri e raggiungiamo Coccaglio, per alloggiare all’imponente e lussuoso Hotel Touring.
Moto in garage, borse in camera, e tutti a mollo in piscina: dura la vita dell’harleista!
Nel frattempo ci hanno raggiunto Paolo e compagna, che ci narrano, davanti all’aperitivo, le romantiche peripezie del loro recente fidanzamento: esilaranti!
La giornata si conclude in gloria con una pantagruelica e prelibata cena in hotel, su cui neanche Mastro Fedez può aver nulla da ridire.
Il mattino dopo ripartiamo con calma, data la spropositata dose alcolica smaltita durante la notte, e proseguendo la salita sbuchiamo infine sulla valle del lago d’Idro, costeggiandone la riva sinistra a dolci curve.
Il paesaggio è incantevole, per non parlare dell’edenica cascata del torrente Palvico, presso cui facciamo una sosta rigenerante: Herr Director propone addirittura un tuffo, ma...non trova complicità! Accaldati sì, ma non tanto temerari da sfidare la temperatura polare dell’acqua.
Nel frattempo si è già fatta ora di pranzo, che divoriamo affamati in un locale tipico sul lungolago. Oddio: grigliata di carne con polenta doc non è proprio un piatto estivo, ma la birra non filtrata a fiumi fa digerire tutto.
Sicché si riparte: Trento, A22 del Brennero ed eccoci nuovamente sull’A4, ormai in dirittura d’arrivo: il parziale finale conterà 717 chilometri. Mica noccioline!
In conclusione, che dire? I Run del Friuli Chapter Italy sono sempre...uno sballo totale!
Sento già i profumi marini delle Cinque Terre!
(by Prof)

 

Visitando www.niks-harley-davidson.com, accetti il nostro uso dei cookie Ok