• foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
Nik's Harley-Davidson Pordenone NIK'S HARLEY-DAVIDSON Harley-Davidson

11 -13 SETTEMBRE 2020: LAGH DE GARDA RUN

venerd́ 11 settembre 2020

Torna all'elenco report >
immagine evento

11 -13 SETTEMBRE 2020: LAGH DE GARDA RUN

 

Per me era stata una settimana in salita, ma il pensiero di ritrovare gli amici del Friuli Chapter Italia, con il tempo che prometteva al meglio ed un giro spettacolare, hanno influito positivamente all’avvicinarsi della partenza.

Ore 13,30 ritrovo nel piazzale del Caffèlatte, tutti puntuali in un torrido pomeriggio di settembre che sposta la lancetta del clima ad estate piena.

Un breve ma importante briefing da parte di Matteo e Nicola e via per questa nuova avventura in perfetta formazione Harley come solo il Friuli Chapter Italia sa fare.

Una corsa in autostrada con prima sosta a Limenella per i pochi rifornimenti e poi di nuovo cavalcando tra i 120 e 140 km/h le nostre amate moto.

La destinazione è prestigiosa, Padenghe sul Garda in albergo molto confortevole dotato di mega piscine per ristorare dei bikers instancabili ma accaldati dal trasferimento.

Check-in veloce con a disposizione un paio d‘ore a scelta tra riposo in camera e swimming-pool zone.

Il gruppo è quasi al completo, per impegni di lavoro alcuni ci raggiungono alle 19,00 quando siamo pronti per dirigerci alla splendida Salò.

Una breve corsa in moto di circa 15 km per poi approdare ai parcheggi nelle vicinanza delle rive più prestigiose di Salò, quelle con i ristoranti e i lounge bar.

Come di consueto, per strada riceviamo calorosi saluti tra ammirazione affetto ed invidia che solo uno sciame come il nostro può generare.

Una breve passeggiata con a capo Paolo Accorsini che ci conduce alla destinazione finale della serata (cena Bresciana).

Il locale è immediatamente nella via interna alle rive, gode di ottime recensioni e ci accolgono con grande calore riservandoci l’intera area del ristorante al coperto.

Le tavolate si riempiono velocemente e arrivano le prime portate, da un antipasto che già poteva bastare, a dei tortelli favolosi per poi arrivare al manzo all’olio che tutti dovevano assaggiare.

Vino come se non ci fosse un domani e chiacchiere tra vecchi amici come solo da noi si fanno.

Serata stupenda con rientro in piena sicurezza e qualcuno che non parco delle consumazioni si ferma al bar dell’albergo per il bicchiere della staffa.

Giorno 2: ritrovo ore 9,15 e partenza ore 9,45.

Il clima rimane quello spettacolare del giorno prima e oggi autostrada 0 a solo splendide colline e strada gardesana.

Il programma prevede una tappa culturale e l’altra emozionale: “il Vittoriale e la strada della Forra”

In ordine di vicinanza la prima tappa riguarda la tenuta di Gabriele D’Annunzio e la sua maestosa tenuta gardesana.

I tempi non ci consentono una visita approfondita ma la maestosità del parco e della nave contenuta in esso sono una interessantissima esperienza.

Il percorso prosegue nello stupendo lungo ma sappiamo che ci attende una meta esclusiva definita tra “le strade più belle a mondo”: La Strada della Forra.

Una sosta ristoro con vista spettacolare sul lago ci dona le giuste energie e un po’ di riposo per affrontare la tratta più Amena del Run.

In questo ristorantino notiamo anche 2 nuove Zavorrine aggregarsi al gruppo, sempre una gradita sorpresa poter avere nuovi ospiti al nostro cospetto.

Si riparte costeggiando il lago e dopo pochi minuti c’è la svolta a sinistra per affrontare questa “Strada della Forra”, un percorso scavato nella roccia che crea un ambientazione mista tra il Signore degli Anelli e Sanctum . Il percorso è breve ma rimarrà indelebile nelle nostre menti e scolpito nella memoria dei nostri cellulari dalle riprese da cineoperatore professionista della nostra Elisa.

Si scende, direzione Riva del Garda che rimane una perla scolpita a Nord del Lago, costante meta di kay surfer per le condizioni meteo che la rendono ventosa 12 mesi l’anno.

La sistemazione in albergo 4 Stelle (Friuli Chapter Italy, what else?) fronte lago è un altro gentile omaggio di Paolo per questo Run.

Il clima è disteso, nessuno particolarmente affaticato quindi molti in piscina, altri a zonzo per Riva, in attesa della cena Vista Lago.

Un'altra serata memorabile, un po’ danneggiata dal distanziamento che prevede tavoli da massimo 4 persone quando tutti vorremmo essere sempre ad un tavolo unico tutti insieme (modalità impossibile visto il numero sempre numeroso di partecipanti)

A fine cena il gruppo si smembra per l’ultimo bicchiere in vari locali del centro brindando alla splendida giornata.

Grazie Friuli Chapter Italy e grazie a tutti i partecipanti per l’ennesima esperienza magica di queste ore.

Mattino del 3° giorno, come sempre tutti puntuali all’appello per la partenza, i soci del Friuli Chapter sono dei veri professionisti dei Run.

Unico neo del viaggio, la batteria di Elvio che decide di non donargli la corsa prevista per il giorno ma Elvio non si perde d’animo, pur di non rinunciare al Run assieme alla moglie Antonella decide di saltare in sella su altre 2 moto per non perdersi, anche se da passeggeri il percorso del rientro.

Originariamente si sarebbe dovuti passare da Bardolino e dalla Valpolicella ma la presenza ancora elevata di turisti ha costretto l’utilizzo del piano b, tornando a Brescia da una bellissima strada alternativa che nessuno di noi aveva mai fatto.

Arriva il momento dei saluti con le 2 zavorrine Ross & Raff, che ci hanno fedelmente seguito e hanno fatto parte del gruppo come se fossero nostre socie storiche, alla prossima per quando vorranno riaggregarsi.

Ci aspetta un tratto tatticamente autostradale, per evitare il traffico domenicale e usciamo a Soave, metà del nostro ultimo ristoro.

Parcheggiamo a ridosso delle mura e dopo una breve passeggiata, arriviamo in questa splendida locanda che ci ospita in una bellissima sala che ci fa respirare altre epoche.

Pranzo e servizi deliziosi che lasceranno un ottimo ricordo con un brindisi finale offerto dal nostro Oscuro Prof. che con noi ha voluto festeggiare il suo ennesimo lustro.

Si riparte sempre in autostrada e alla stazione di servizio di Arino il gruppo si divide tra “udinesi” e “pordenonesi” , tutt’ altro che Capuleti e Montecchi . Un gruppo unito sempre di più in questo spettacolare Chapter.

La serata finisce in perfetta sicurezza al Caffelattè e al Bu.co a seconda della residenza.

Una nuova esperienza straordinaria, resa possibile dall’impegno e le grandi capacità del nostro servizio Head Road Captain, Safety Officer e Road Captains.

Grazie a tutti VVB  il Conte

Visitando www.niks-harley-davidson.com, accetti il nostro uso dei cookie Ok