• foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
Nik's Harley-Davidson Pordenone NIK'S HARLEY-DAVIDSON Harley-Davidson

21 GIUGNO 2020: COME BACK RUN 2020

domenica 21 giugno 2020

Torna all'elenco report >
immagine evento

21 GIUGNO 2020: COME BACK RUN 2020

 

Domenica mattina: l’orologio digitale della mia Harley segna esattamente le 08.30, quando imbocco lentamente l’ingresso del parcheggio antistante il Caffelatte di Fiume Veneto. Ed eccole là, le meraviglie di Milwaukee, perfettamente allineate come uno squadrone di cavalleria nordista, ad attendere il momento di lanciarsi al galoppo verso una nuova avventura!

Ma questo non è un Run qualunque del Friuli Chapter Italy, perché sono trascorsi esattamente quattro mesi dall’ultimo evento condiviso: era infatti il 22 febbraio 2020, quando festeggiavamo il 18° anniversario di fondazione. E tutti sappiamo quanto ci siano sembrati lunghi questi mesi di lock down, quanto abbiamo dovuto sopportare causa pandemia, e quanto abbiamo atteso trepidanti questo momento liberatorio.

Che finalmente è arrivato, e lo si legge chiaramente sui volti entusiasti dei cavalieri presenti, che spuntano sornioni da sotto le regolamentari mascherine: ogni nuovo arrivo è trionfale, abbracci e baci distanziati si sprecano, la gioia nel rivedersi è…contagiosa!

Siamo tantissimi, esattamente 72, in sella a 50 moto: praticamente due terzi dei soci.

E questo la dice lunga sulla voglia di esserci. Director, Road Captains e Safeties sono già al lavoro per informare riguardo al percorso e alle nuove modalità di corsa Covid style: l’attesa della partenza si fa spasmodica!

La road map giornaliera prevista è di tutto rispetto, ma quello che più conta è rimettersi in strada, insieme, per condividere nuovamente, dopo tanto tempo, le emozioni profonde di un viaggio selvaggio alla guida delle nostre Harley Davidson.

E allora via! Si va! Rombano cupi i bicilindrici, il piede sinistro affonda sul pedale del cambio inserendo la prima marcia, e la colonna si avvia, sconvolgendo come al solito il pigro traffico domenicale.

Viaggiamo a gruppi di dieci, distanziati di cento metri, come da direttive, guidati magistralmente dai nostri Officers.

La parola d’ordine è…massima sicurezza!

Attraversiamo la pianura friulana ad andatura turistica, godendoci il panorama rurale, mentre il cielo si apre ed il sole illumina le verdi colline pedemontane. Ma eccoci scalare le marce sulla prima salita, ed imboccare la prima galleria: le montagne imponenti e severe ci attendono!

Poi, curve e tornanti si succedono veloci: Barcis, Claut, Cimolais, Erto e Casso, Diga del Vajont, Longarone…strade e paesi che conosciamo benissimo, ma che ci sembrano nuovi visti con gli occhi della ritrovata libertà.

Col Friuli alle spalle, sconfiniamo in Veneto: via Pieve di Cadore e Auronzo; ma poi rientriamo in direzione Forni di Sopra, e dopo una breve sosta carburante (“più che il voler, poté il digiuno…degli Sportsers!”), l’ultima accelerata ci spinge a Sauris, dove finalmente ci fermiamo per l’agognato pranzo.

La Tana del Lupo ci ha riservato un intero padiglione tendato sulla cima di un dosso, da cui si può godere l’ameno panorama del paese e delle cime circostanti, alla calda luce del sole di giugno.

E ci fa sogghignare compiaciuti apprendere da fonti famigliari che al mare…piove!

Eh, già! Perché solo Nik…comanda il tempo!

L’allegria collettiva è talmente dirompente che il tendone sembra sul punto di esplodere: soprattutto quando, grazie alla collaborazione del mitico Adriano, arrivano sui tavoloni prosciutto, salame e speck di Sauris, formaggio di malga, crostate nostrane e birra Zahre nelle varie tipologie.

E dopo aver placato i nostri voraci appetiti, arriva il momento dei discorsi di rito: come sempre, le parole del Director, a tutta emozione, esprimono pienamente il senso del nostro incontro, e della nostra appartenenza al Friuli Chapter Italy, soprattutto dopo il difficile periodo appena trascorso.

La conclusione: “Bentornati!” scatena un fragoroso applauso collettivo, che costringe ad una fuga precipitosa una giovane coppia di malcapitati ritrovatasi casualmente in mezzo a noi.

Mai tentare di infiltrarsi tra i Bikers!

Quindi vengono presentati i nuovi soci, che ricevono l’attesissima patch del Friuli Chapter Italy, e a tutti viene consegnata la tessera annuale (novità assoluta!), dove campeggia il nuovo logo disegnato dalla magica Sonia.
Viene consegnata anche una patch molto ambita… ma uno solo tra tutti noi avrà l’onore di cucirla sul suo gilè.
La patch è quella di “ER MUTANDA” e il fortunato è stato Niki il nostro Safety cha ha anche potuto esibire un pezzo della sua ambita collezione.

Ma è tempo di ripartire: scendiamo di gran carriera lungo il corso del Tagliamento, attraversando Tolmezzo, Gemona, Venzone, Dignano…e rieccoci al Caffellatte, per l’imprescindibile aperitivo di commiato.

In tutto, abbiamo macinato quasi 300 chilometri: non male come prima uscita!

Anche se il pensiero di tutti corre già ai prossimi Run.

State pronti, State folli!

 

by Prof

Visitando www.niks-harley-davidson.com, accetti il nostro uso dei cookie Ok