• foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
Nik's Harley-Davidson Pordenone NIK'S HARLEY-DAVIDSON Harley-Davidson

1 - 3 GIUGNO 2018: FLORENCE HILL RUN

domenica 3 giugno 2018

Torna all'elenco report >
immagine evento

1 - 3 GIUGNO 2018: FLORENCE HILL RUN

 

Florence Hill Run alias mai na gioja alias codice 3636

 

Venerdì 1 giugno, ritrovo al caffelatte ore 12.30, fino a pochi giorni prima consueta minacciosa previsione di maltempo poi fortunatamente disatteso.

Un caldo pomeriggio di inizio giugno, 32 partecipanti tutti attrezzati per ogni evenienza e si parte…

Primo percorso verso Padova sud (primo rifornimento e breve sosta ristoratrice, il caldo si fa sentire e aggiungerei…finalmente!).

Si riparte per attraversare Bologna prima dell’ora di punta di un caldo venerdì pre-ponte (2 giugno festa per molti anche se non per tutti).

Prima della partenza un tamtam spontaneo aveva suggerito una pausa di riflessione tra il punto A (cagalatte) e il punto B (Cortona relais) 

Ore 17:00 circa, e gli svizzeri a Nicola, Matteo ed ai Road Captain gli fanno un baffo con la precisione scandita ad ogni passaggio, si vira verso una piazzola di sosta dotata di tavolo in legno per accogliere il nostro pic-nic mirato a dare ristoro…. 

In realtà con il caldo che c’era, era proprio la voglia di bere un bicchiere insieme a motivarci… ognuno ha portato il suo contributo, Luca ha fatto le focaccine, Cjaiko ha comperato 2 soppresse dalla concorrenza per garantire la qualità ( J JJ), vino a volontà, formaggio della Tella, dolcetti vari e spero di non aver escluso qiualcosa di importante … 

Una bellissima sosta dove si respirava già l’atmosfera che ci avrebbe accompagnato per questo indimenticabile run (ennesimo aggiungerei)

Si riparte tutti più impavidi alla guida e con il sorriso sulle labbra, destinazione il resort in zona Cortona.

Ore 19:30 circa arrivo al resort, presa della Bastiglia (ad ognuno la sua) e appuntamento a un’ora dopo per la cena. 

Un piccolo intoppo per una camera ha ritardato la sistemazione di Artan e Ornela, ma poi si è risolto tutto nel migliore dei modi e anche loro si sono aggregati serenamente alla cena.

Cena: in un posto da sogno, una vecchia stalla ristrutturata con le mangiatoie riadattate all’arredamento, una terrazza con tocco high tech donato dal cristallo che avvolgeva la veranda consentendo di sembrare immersi nel parco antistante ….

Un luogo da sogno, una sala dedicata a noi e un susseguirsi di piatti top: salumi d’eccellenza, 2 mezzi primi (non hanno il senso della misura ed erano 2 primi eccezionali) una tagliata cotta magistralmente e una torta spaziale a fine serata.. vino a volontà ma soprattutto la voglia vera di stare insieme quasi con avidità tra amici del Chapter.

Serata pazzesca da rimpiangere di dover andare a dormire (ma la stanchezza si faceva sentire…) pur ospitati in suite con camino e letto a baldacchino che ti immergono nel passato più NOBILE (da conti J )

Mattino del sabato:

Colazione a bordo piscina con una vista ed una veranda in legno e cristallo da sogno … e io che pensavo che le colline friulane potessero essere invidiate (ero un po’ troppo ottimista anche se amo la mia terra).

Si riparte per il giro del mattino… non prima che:

- Federico Zorzi si preoccupi di Agostino che non erapresente e qui traspare l’affetto che Federico ha per tutti noi… ma Agostino resta un suo “preferito” 

- Io mi preoccupo dei Sartori che scherzosamente fingono al telefono di aver interpretato le istruzioni di trovarsi a Siena e quindi sono già lì (in realtà erano nel retro dello stesso palazzo e si prendevano gioco di me)

- Tella e Nicola si smadonnino con la gps tecnology,solidamente supportati da Brando che aiuta tutti …

Si parte… un giro da brivido con sosta con sosta immediata a fare benzina…. come spesso accade tilt per l’impianto e ricevute di mancato erogamento … ma SuperConte non si sotrae ai suoi doveri J con celere incasso dei crediti.

Si riparte per un giro da brivido... vere colline da pubblicità dove Barilla è di casa … un incrocio magico anche con chi,più abbiente degli harleisti, si presenta con un Cesna a sorvolare certi paesaggi…. 

Un colpo d’occhio da favola sembra quasi di essere nel film “il signore degli anelli “ con meno rocce e più colline.. da vero brivido … indimenticabile!!!

Un giro tosto per veri bikers … tra saliscendi e un percorso che sembra miracolato dal traffico... siamo noi e il paesaggio. (punto)

3 ore di percorso magico e poi l’arrivo a Montepulciano …. 

Un borgo medioevale di altissimo livello dove il Director e gli Assistant ci hanno riservato una magica esperienza: degustazione in cantina (una cantina con Guiness e vino nobile)  

Il calore e la stanchezza si fanno sentire ma giunti alla meta (la cantina) i sorrisi ritornano sui volti. 

Un grande ospite il padrone di casa, un gentilissimo 22enne innamorato del suo lavoro ed erede di un’importantissimacantina, ci illustra la storia quasi millenaria della cantina.

Si riparte alle 16.30 soddisfatti della visita e riposati dal precedente percorso.

L’orario, la temperatura e la performance del mattino suggerisce a Director e Assistant di procedere con giro meno impegnativo per il pomeriggio, sempre in mezzo a splendide colline ma con percorso soft e abbreviato.

Arriviamo a Montalcino in orario (svizzeri cambiate mestiere, per voi non ce n’è) in albergo. 

L’insegna indica 3 stelle ma fin dalla reception si percepisce che l’upgrade è obbligatorio.

Stanze profumate confortevoli e pulitissime … cena fissata per le 20.30 in loco, un bel conforto per godersi la serata senza troppe preoccupazioni verso il tasso alcolico.

Tutti presenti in una sala molto accogliente… cena splendida con pappa del pomodoro da guinessaccompagnata da vino di alto livello. tutto perfetto anche per la cena del 2 giugno.

A fine serata qualcuno si ferma per l’ultimo bicchiere …. 

La voglia di restare in compagnia si sente ancora forte J

Forte a tal punto che alcuni compagni di viaggio prolungano la serata in centro a Montalcino.

L’albergo a tarda notte non prevede la reception lasciando fuori i nostri compagneros …

Risultato, un giro di telefonate all’ 1:30 che ha premiato Luca prestandolo alla causa dell’andare ad aprire la porta ai ritardatari (svizzeri solo in servizio J )

Mattino del 3 giugno:

partenza ore 10.00  consapevoli che il motogp del Mugellopuò minare il nostro rientro si prevede un percorso tattico per superare la Toscana e pranzare in Emilia.

Domenica a pranzo non è facile da risolvere ma con Galante...ria si può!!!

Il nostro Max dalla manica tira fuori un opzione per un ristorante a Sasso Marconi all’aperto e con degustazione di gnocco fritto …SUONA QUASI COME PRESA IN GIRO POTER AVERE TUTTO CIO’.

Si parte e Tella ci conduce verso Bologna con grande attenzione (anche nel verificare che le rotonde siano state ben realizzate).

Verso le 13:30 si esce a Casalecchio, qualche km di colli bolognesi e compare l’oasi…. 

Un ristorante casareccio immerso tra verde e goloserie …. Max Galante ha dato il suo contributo magico.

Una tavolata da 32…. Assetati e affamati (forse più golosi che affamati).

Praticamente un’estensione del Gnocco Run al Florence Hill Run per tutti i presenti … golosissima sosta con tutto il top della cucina emiliana a prezzi da pizza al taglio.

2 ore di sosta piacevolissime per poi ripartire verso casa,forse la parte triste del lungo e vissutissimo week-end.

Alle 17:30 circa ci si divide all’area di sosta di Dolo… gli ultimi saluti per i gruppi (l’udinese e il pordenonese) che si dividono per il rientro … sempre bello salutarsi con il sorriso che non si spegne per nessuno.

Proprio perché le ore non bastano mai, sia il gruppo verso Pordenone che Udine trova il tempo per l’ultima birra insieme… un grande Run, un gruppo di angeli custodi con grandi capacità motoristiche, un Director supportato da Assistant ed Activities, oltre che Lady of Harley che ha permesso di rivivere un percorso ed esperienze già vissute qualche anno fa, ma certi che le emozioni avrebbero premiato anche gli assenti del precedente run.

Grazie a tutti

Io, come credo tanti altri, sono rimasto con il sorriso sulle labbra anche per tutto il lunedì, pensando a come avevo trascorso il week end

VVB

Il conte Fulvio Fucich

Visitando www.niks-harley-davidson.com, accetti il nostro uso dei cookie Ok