• foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
Nik's Harley-Davidson Pordenone NIK'S HARLEY-DAVIDSON Harley-Davidson

Run del Carso

domenica 19 giugno 2011

Torna all'elenco report >
immagine evento

In una giornata "bagnata" sin dalla partenza, una ventina di coraggiosi bikers si sono ritrovati inizialmente al Santuario di Redipuglia, ammirato dalla collina/parco monumentale che si erge di fronte, per poi, dopo aver costeggiato l'Isonzo, svalicare in Slovenia. Belle pinete e panorami sul golfo di Trieste mozzafiato, peccato che bora e spruzzi  d'acqua l'hanno fatta da padroni per tutto l'itinerario, ancorché accorciato (la sfilata in parata per Gorizia e Nova Gorica sarà inserita in un prossimo run, prometto!). Così anche la programmata visita al maneggio di Lipiza è andata letteralmente in cavalleria, ma non la sosta di due prodi (Silvano e Luca Stefani) all'annesso casinò: avranno vinto qualcosa? Who knows?
 
Nel pomeriggio l'atteso momento culturale: la visita guidata ad uno dei monumenti più importanti, e tragici, di Trieste. La Risiera di San Sabba, unico campo di sterminio nazista in Italia, ci fa comprendere quanto oggi noi si sia fortunati, e felici, finché tali luoghi, qui e ovunque nel mondo, rimangano solo un triste ricordo di un passato più o meno recente, che speriamo tutti mai si ripresenti. Ma bando alla malinconia: la giornata dopo la visita di tale monumento nazionale vede riapparire un pallido sole, le nostre moto lucide di pioggia hanno vieppiù ripreso a brillare splendide al tramonto che fa capolino tra le nubi, per cui ... Via! Un saluto ai triestini e "On the road", la strada di casa vi attende! E come alla fine disse il saggio (che non dico chi sia stato, ma  quando leggerà lui si lo sa): "...Ciò Claudio, l'anno scorso troppo caldo. Quest'anno bagnati e un freddo della Madonna. L'anno prossimo andrà meglio, sarà perfetto!". O.K. Lo prendo in parola.
 

Claudio Lini
(il triestino acquisito con la barba e l'Heritage rosso-nera)

Visitando www.niks-harley-davidson.com, accetti il nostro uso dei cookie Ok