• foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
  • foto homepage
Nik's Harley-Davidson Pordenone NIK'S HARLEY-DAVIDSON Harley-Davidson

11 SETTEMBRE 2016: MOTOGP A MISANO

domenica 11 settembre 2016

Torna all'elenco report >
immagine evento

IL CHAPTER DEI MARMOCCHI NON VA...LENTINO

 

Andiamo a vedere se il cambio di prospettiva, dal divano di casa ad una tribuna affollata, vale la pena.

Curiosità e passione si sono mescolate, per stimolare la partecipazione ad un evento straordinario, una competizione motociclistica al massimo livello mondiale, una delle 18 tappe di questa manifestazione, di cui 12 si corrono in Europa, ma solo 2 in Italia; quindi, il top!

La curiosità ha funzionato, ha richiamato 18 moto, 3 auto, una trentina di bikers fra cui le giovani leve del futuro Chapter: una banda di marmocchi giovanissimi, dai dieci anni in giù, alcuni rivestiti e protetti da sgargianti giubbotti della casa: ogni tot chilometri, pausa benzina e pausa bambini: giù uno dalla moto, e avanti il prossimo; occhi sbarrati dalla eccitazione e dall’orgoglio. Paura? Non sembrava proprio, anzi! Proviamo ad immaginare quali mirabolanti racconti faranno oggi ai loro compagni di classe….

Tempo buono, traffico autostradale accettabile, e via sino a Rimini; alle sette della sera, siamo a destinazione, in un hotel scelto sapientemente da Michel; confortevole, cortile chiuso per le moto, ristorante di eccellente livello, e assolutamente economico, il che non guasta mai. 

La serata è trascorsa a tavola in grande allegria, si è vista passare qualche birra qua e là ma evaporava molto rapidamente, probabilmente un effetto climatico locale.

Allegria, risate, qualcuno nel dopo cena è andato a fare una capatina in giro per città, la maggioranza zitti zitti a nanna, a prepararsi per l’indomani.

L’arrivo all’autodromo è stato eccitante: un infinito zig zag fra due ali di auto, di moto, biciclette e pedoni, slalom gigante fra rotonde e aiuole spartitraffico,  sotto l’occhio tollerante di un plotone di vigili, preoccupati solo di far fluire il traffico ed evitare incidenti.

All’arrivo, avevamo il posteggio per le moto riservato direttamente sotto la tribuna; vuoi mettere, la soddisfazione! Perquisizione delle borse con metal detector, e poi via, dentro l’autodromo; di fronte a noi, si aprivano le bancarelle per lo shopping, con tutto l’armamentario griffato dei piloti e delle scuderie: impossibile resistere.

Le gare sono state splendide, ci siamo appassionati anche per le cilindrate minori, nei quali ragazzini giovanissimi si davano battaglia, appesi alle loro moto, fra l’eccitazione generale e gli applausi dei loro tifosi; gruppi di fans con i colori sociali di questo o quel pilota, con fumogeni rigorosamente in tinta, acclamavano i loro beniamini; bellissimo, da vedere e da partecipare.

Poi, finalmente sono arrivate le 2, ora della gara principe della manifestazione, la “MotoGP”: e qua, si è scatenato il delirio; la gran parte dei tifosi sostenevano Valentino, il campione “di casa”, ma hanno continuato ad applaudire, sportivamente, anche quando lui è stato superato e si accontentato del secondo posto; veramente entusiasmante l’atmosfera, non c’è che dire.

Fine delle gare, ritorno alle moto, grande gimcana fra nugoli di persone e di veicoli, e finalmente con grande pazienza si è aperta la strada verso casa, guidati dai nostri Angeli: pochi, indaffaratissimi, eccezionali Road Captains: per Voi, ragazzi, i soliti ringraziamenti non bastano più.

Portiamo con noi il ricordo di una giornata memorabile, di una esperienza sportiva unica, e del piacere di viverla fra amici: in questo caso, portiamo anche il ricordo della banda di marmocchi, le nostre “giovanissime leve”, che hanno fretta di vivere una vita che va di corsa e non Va...lentino….

 

Guido

Visitando www.niks-harley-davidson.com, accetti il nostro uso dei cookie Ok